post

ottimizzazione seo on-page

Guida completa per l’ ottimizzazione seo on-page del nostro sito

Ma in che cosa consiste l’ ottimizzazione seo on-page, perchè sempre più aziende investono per ottimizzare i loro siti rivolgendosi a esperti del settore?

Una volta che avete acquistato lo spazio hosting, scelto il template adatto e il sito è online, il passagio successivo consiste nell’inserire il testo, le immagini, video e tutto il materiale che può servire per mostrare la vostra azienda o la  vostra pagina personale al mondo intero.

Plug-In indispensabile il top per l’ ottimizzazione seo onsite

Cliccando qui seo yoast puoi scaricarlo dal sito e successivamente caricarlo manualmente, ma io consiglierei un modo più semplice e veloce di caricarlo direttamente andando su Plugin (nel menu di wordpress) e poi scrivere direttamente seo yoast nella casella cerca, installandolo con un semplice clic e in modo automatico wordpress ti mette a disposizione questo nuovo strumento

Ottimizziamo il sito per i motori di ricerca

Mettiamo un nome al nostro nuovo sito per iniziare, il Titolo che sia descrittivo e unico, ma allo stesso tempo che sintetizzi ciò che il sito ha da offrire all’utente.
Sulla barra laterale sinistra di WordPress andiamo su “Impostazioni” e sotto menù “Generali”.
Inseriamo il nostro titolo nelle caselle come richiesto…vedere esempio in figura:

ottimizzazione seo on-page

Esempio:se vuoi parlare di “manipulation artwork” nel Titolo dovrai inserire: manipulation artwork ( Per primo in modo da indicare la tua parola chiave FOCUS del sito) e dopo il nome del sito laciodrum grafico web, in questo modo avremo: Manipulation Artwork WordPress | Bruno Francesco graficoweb alias laciodrum
Di seguito mettiamo il nostro motto che serve per dare l’idea del nostro lavoro e i nostri obbiettivi io ad esempio ho messo ” L’AZIENDA PIÙ PICCOLA DEL MONDO HA LA POSSIBILITÀ DI ESSERE VISIBILE AL PARI DELLE PIÙ GRANDI “.
Di seguito compilate i vari campi inserendo i vostri dati, mail, link del sito, ruolo della pagina (io ho messo sottoscrittore), fuso orario e lingua

Adesso passiamo a lavorare con la home page

Da menu laterale andiamo su “Pagine”, in alto trovo Aggiungi “Nuova”.
Mettiamo il titolo che abbiamo scelto precedentemente lo inseriamo nel primo rettangolo bianco vuoto.
Adesso click nell’area più grande in bianco in basso,(questo è il body) il corpo del sito inseriamo il testo che magari precedentemente abbiamo scritto.
Adesso poniamo la nostra attenzione nel renderlo leggile quindi cureremo i tag h1, h2, div etc.
Partiamo con il tag h1, che sta per titolo lo useremo solo una volta questo.

per ogni pagina il tag h1 indica il titolo, metterò come titolo la mia “parola chiave” specificando in questo modo, ai motori di ricerca, che questa è la parola focus più importante.

Inseriamo la parola chiave principale mettendola in evidenza anche in grassetto con il tag bold.
Adesso il sottotitolo h2.

Per evitare di ripetere e creare confusione, il sottotitolo dovrà contenere delle parole corrispondenti, alternative ma che indicano che stiamo parlando dello stesso argomento.

Ora passiamo al descrivere il nostro argomento all’interno dei tag div, prestando attenzione a dare enfasi alle parole che secondo noi sono sinonimi o correlate mettendole in grassetto, questo serve per rafforzare il nostro focus le nostre parole chiavi.

Mettiamo in evidenza gli argomenti che trattiamo in modo che sia subito chiaro e facile per i visitatori come muoversi all’interno del nostro sito.

Ottimizziamo le immagini

Le immagini all’interno delle nostre pagine svolgono un ruolo molto importante quando si utilizzano per sostituire o integrare il testo in modo inequivocabile.
Presteremo attenzione ai tag “alt” .
Questo tag sostituisce l’immagine qual’ora non si caricasse sul web, fornisce ai motori di ricerca la parola chiave per risultare nelle query (ad esempio per comparire su google immagini), è un ulteriore rafforzativo al focus che stiamo cercando di mettere in evidenza.
Tutte le immagini devono, prima di essere caricate sul nostro sito, avere un nome pertinente e un titolo nel tag “alt” idoneo.

Una volta termite queste operazioni passiamo a lavorare i meta tag head e cioè la parte non visibile del nostro sito all’utente, ma molto importante per i motori di ricerca e per noi ovviamente 😉 .

A questo punto ci viene in soccorso il nostro amico plugin che abbiamo caricato, dove in modo molto semplice e senza avere particolari doti ingegneristiche, andremo a compilare i vari campi.
La facilità di utilizzo sta nel fatto che avremo la valutazione giusta o sbagliata in modo istantaneo.
in basso dopo il form avremo una serie di risposte contrassegnate con dei pallini che a seconda del colore ci aiuteranno per completare l’ottimizzazione seo on-page della nostra pagina.
Seo title:rimettiamo il nostro titolo con un bel copia incolla es.: Manipulation Artwork WordPress | Bruno Francesco graficoweb
Descrizione
La del sito deve essere di qualche riga breve e incisiva, perché comparirà su google subito sotto il nostro titolo es.: Manipulation Artwork WordPress – laciodrum Bruno Francesco grafico web, grafiche loghi siti web indicizzati sui principali motori di ricerche share social
key words
Adesso dobbiamo curare la parte delle famose key words , che qualche decennio fa bastavano da sole per mettere in prima pagina un sito. Oggi i motori di ricerca sono schizzignosi, vuol dire che inserire una marea di parole chiave produce un effetto contrario quindi bisogna mettere con giudizio e parsimonia senza ripetere la stessa parola ma trovare sinonimi e correlazioni.
Parola Chiave Principale: Inseriamo la nostra parola prescelta, quella che abbiamo ripetuto più volte nel testo del body, in questo modo i crawler quando analizzeranno il nostro sito capiranno di cosa stiamo parlando e indicizeranno le nostre pagine.